FacebookInstagrammenu-iconicon-playscroll-downsearchTwitterYouTube
Menu

La resistenza al rotolamento ha un impatto sull'ambiente e sul portafoglio

La resistenza al rotolamento dello pneumatico può variare molto. Una differenza di resistenza al rotolamento media del 40% si traduce in una differenza di consumo di carburante del 5-6%. Tale differenza può verificarsi, ad esempio, tra pneumatici rispettivamente di classe A e F in fatto di efficienza energetica. Pertanto, lo pneumatico giusto consente di rispettare sia l'ambiente che di risparmiare sui costi. Con i prezzi attuali dei carburanti, uno pneumatico con una resistenza al rotolamento più economica su una distanza di 40.000 km può far risparmiare più di 300 euro. Una scelta intelligente di pneumatici e uno stile di guida delicato aiutano anche a ridurre le emissioni di CO2 generate durante la guida.

La resistenza al rotolamento è l'energia consumata dalla deformazione che si verifica quando lo pneumatico è a contatto con il fondo. Queste deformazioni e la quantità di energia che richiedono possono essere influenzate dai materiali e dalla costruzione dello pneumatico. I fattori che aumentano il consumo di energia includono alta temperatura, bassa pressione di gonfiaggio, carico elevato e usura degli pneumatici, nonché resistenza all'aria e turbolenza dovuta alla velocità.

La resistenza al rotolamento influisce sull'ambiente durante il periodo d'esercizio dello pneumatico. La bassa resistenza al rotolamento riduce il consumo di carburante e le emissioni di CO2. La resistenza al rotolamento viene misurata con l'aiuto del coefficiente di resistenza al rotolamento: maggiore è il coefficiente, più pesante è il rotolamento dello pneumatico. Al momento, i pneumatici Nokian per autovetture hanno più probabilità di essere classificati in Classe C in fatto di risparmio di carburante. La seconda classe più comune è la Classe B, su una scala europea che va da A a G. Nel breve termine, uno dei più importanti obiettivi di sviluppo dell'azienda  è proprio quello di aumentare il risparmio di carburante grazie agli pneumatici.

Solo il 20-30% dell'energia del carburante viene utilizzata per muovere il veicolo. Questa energia viene utilizzata per l'accelerazione e la frenata, ma anche per superare la resistenza al rotolamento e la resistenza dell'aria.