FacebookInstagrammenu-iconicon-playscroll-downsearchTwitterShapeYouTube
Menu

Nokian Hakkapeliitta nel 2036

Nell' 80simo anniversario di Nokian Hakkapeliitta, il pneumatico invernale di Nokian Tyres, Heikki Liimatainen, Dottore in Scienze e professore presso l'Università di Tecnologie del Trasporto e Centro di Ricerca Verne, Robert Hansson, direttore della Vehicle Dynamics & Active Safety Centre di Volvo Car Corporation e Juha Pirhonen, Vice Presidente della ricerca e sviluppo per Nokian Tyres hanno immaginato quello che sarà lo sviluppo della mobilità, dalla guida ai pneumatici invernal nel 2036, quando il Nokian Hakkapeliitta compirà 100 anni.

Se pensiamo alla guida tra 20 anni a partire da oggi, vedremo tecnologie del traffico smart e rivoluzionarie, auto elettriche con tecnologie self-driving, e pneumatici invernali realizzati con materiali. Anche se la tecnologia intelligente è utilizzata nell'interazione tra l'ambiente, l'auto e i pneumatici, i pneumatici saranno ancora l'unico punto di contatto con la superficie di guida nel 2036. Questo li rende una parte essenziale dei dispositivi di sicurezza della macchina.

In futuro, le automobili saranno collegate ad un sistema di traffico più grande intorno a loro. Lo sviluppo di Internet può essere visto nella interazione tra auto e altri sistemi.

"Le auto possono comunicare con altre auto, Internet, con i servizi di cloud o con i sistemi di traffico e raccogliere, trasmettere e analizzare i dati in tempo reale," dice Robert Hansson, Vehicle Dynamics & Active Safety Centre di Volvo Car Corporation.

Robert Hansson, Vehicle Dynamics & Active Safety Centre di Volvo Car Corporation
"Le auto possono comunicare con altre auto, Internet, con i servizi di cloud o con i sistemi di traffico e raccogliere, trasmettere e analizzare i dati in tempo reale."
Robert Hansson, Vehicle Dynamics & Active Safety Centre di Volvo Car Corporation

Secondo Juha Pirhonen, Vice Presidente della Ricerca e Sviluppo di Nokian Tyres, la tecnologia dei sensori nei pneumatici del futuro permetterà al pilota di anticipare i cambiamenti nelle condizioni del fondo stradale e le previsioni meteo 15-20 chilometri più avanti. In pratica, il computer di bordo potrebbe analizzare questi dati più velocemente e in modo più comprensibile rispetto al pilota.

Nel 2036, le auto con un pilota potrebbero essere uno spettacolo raro, dal momento che le automobili auto-pilotate trasportano le persone da un posto all'altro. Uno dei fattori che ostacolano il trasferimento a vetture auto-pilotate è il fatto che le persone si affidano di più alla propria guida più che sul controllo automatico.

"Abbandonare i piloti richiede un nuovo modo di pensare e di investimenti in sviluppo al fine di rendere le vetture sufficientemente sicure," dice il Dottore in Scienze, il professor Heikki Liimatainen, presso l'Università di Tampere di Tecnologie del Trasporto e Centro di Ricerca Verne. Ha studiato la guida e la mobilità nel futuro.

Tuttavia, egli ritiene che, un po' sorprendentemente, uno dei fattori chiave perché l'autopilota emerga, sia la sicurezza del traffico.

"Comprendere il contributo dei fattori umani durante gli incidenti stradali può favorire lo sviluppo che trasforma il conducente in un passeggero," continua Liimatainen.

Heikki Liimatainen, Università di Tampere di Tecnologie del Trasporto e Centro di Ricerca Verne, Dottore in Scienze, Professor
"Comprendere il contributo dei fattori umani durante gli incidenti stradali può favorire lo sviluppo che trasforma il conducente in un passeggero."
Heikki Liimatainen, Università di Tampere di Tecnologie del Trasporto e Centro di Ricerca Verne, Dottore in Scienze, Professor

Il Direttore Robert Hansson da Volvo Car Corporation condivide questo punto di vista; nel lungo termine, egli ritiene che le automobili con tecnologia self-drive contribuiranno ad una guida più sicura. Le auto del futuro potrebbero essere ancora più consapevoli del loro ambiente e potrebbero ottimizzare la guida e percorso scelte con la sicurezza al primo posto.

Le auto del futuro saranno strumenti per la mobilità

La digitalizzazione svilupperà i servizi di mobilità in modi diversi, in cui ci sarà la coproprietà dell'auto, utilizzandola in modi alternativi. Secondo Heikki Liimatainen, l'attenzione si sposterà ad usare una macchina per la mobilità, invece di possedere una.

"Diverse applicazioni di mobilità ci permetteranno di acquistare una macchina quando ne avremo bisogno di una e di confrontare i prezzi dei servizi. Questi servizi di mobilità diventeranno la norma una volta che avranno raggiunto anche la massa critica, cioè, un numero sufficiente di consumatori," descrive Liimatainen.

"Nelle aree urbane, per esempio, si potrebbe avere un taxi auto-pilotato che prenda le persone da porta a porta. In pratica, non avrebbero bisogno di un conducente" continua Robert Hansson da Volvo Car Corporation.

La guida automatica libera il conducente e l'interior designer

Robert Hansson prevede che, nel futuro, i conducenti di veicoli di lusso Volvo potranno scegliere se vogliono godere dell'esperienza di guida offerta dalla macchina o se lasciare che sia la stessa macchina a portarli a destinazione.

"La guida automatica significa un cambiamento rivoluzionario nella progettazione degli interni della vettura. Infatti, permette alle persone di utilizzare il tempo di viaggio per altre attività, come ad esempio lo streaming di intrattenimento o il semplice relax," spiega Hansson.

Le industrie automobilistiche e quelle di pneumatici mirano a ridurre l'impronta di carbonio

Robert Hansson ritiene che, dal 2036, l'impronta ecologica delle auto verrà ridotta in modo significativo, anche se alcune sfide rimangono.

"Le auto elettriche avranno superato la quota di mercato dei motori a combustione, anche se questi ultimi diventeranno più eco-friendly di quanto lo siano attualmente. In una situazione ideale, la guida comporterebbe zero incidenti e zero emissioni" riassume.

Il 2036 segnerà il 100 ° anniversario del primo pneumatico invernale, il Nokian Hakkapeliitta. Quali tipi di pneumatici utilizzeremo in futuro? Juha Pirhonen, Vice Presidente della Ricerca e Sviluppo per Nokian Tyres è convinto che lo sviluppo sostenibile sarà una pratica standard per la produzione di pneumatici entro vent'anni, dal momento che è già in uso.

"Oltre l'80% delle emissioni di anidride carbonica di un pneumatico vengono generate durante il suo utilizzo. Siamo, quindi, concentrati in particolare sulla riduzione della resistenza al rotolamento dei nostri pneumatici al fine di ridurre l'impronta di carbonio. La bassa resistenza al rotolamento consente di risparmiare energia, prolungando così la gamma di macchine elettriche, per esempio."

"Anche ora, stiamo lavorando attivamente per ridurre la resistenza al rotolamento dei pneumatici, ma la divulgazione delle auto elettriche richiederà sforzi notevoli nello sviluppo mirato a migliorare la loro gamma," continua Pirhonen.

I pneumatici rimangono i componenti di sicurezza più importanti dell'auto

Il cambiamento climatico prevede temperature più miti nell'emisfero nord, e anche la Finlandia si sta abituando ad inverni con poca neve e temperature variabili. Secondo Juha Pirhonen di Nokian Tyres, le temperature che oscillano intorno al punto di congelamento, così come le grandi differenze tra le temperature diurne e quelle notturne richiederanno un'eccellente aderenza su ghiaccio e sul bagnato dei futuri pneumatici invernali. D'altra parte, i conducenti apprezzaranno il comfort di guida, come ad esempio la buona maneggevolezza e bassi livelli di rumorosità.

"Nei pneumatici, apprezziamo caratteristiche di sicurezza, come l'efficienza di frenata e aderenza, così come le caratteristiche che riducono il consumo di carburante e la rumorosità. Analogamente a tutti gli altri componenti utilizzati sulle nostre vetture, vogliamo che i nostri pneumatici soddisfino esigenze ecologiche molto elevate," dice Robert Hansson per quanto riguarda i criteri applicati da Volvo.

Come saranno i nostri pneumatici invernali essere tra 20 anni?

"In futuro, potremmo avere pneumatici eco-friendly fatti con materiali completamente a base biologica e dotati di tecnologia dei sensori. Potrebbero raccogliere dati che potrebbero poi essere utilizzati in rete, con l'auto-pilota o la guida assistita. Nel 2036, lo sviluppo inesorabile del prodotto avrà anche dato luogo a sostanziali innovazioni nel campo della resistenza al rotolamento," dice Juha Pirhonen, Vice Presidente della Ricerca e Sviluppo di Nokian Tyres.

"I pneumatici saranno ancora una parte essenziale della sicurezza di una vettura perché, anche con tecnologia intelligente rivoluzionaria, i pneumatici sono il solo punto di contatto della vettura con la strada" ci ricorda Pirhonen.

Altre informazioni:

Heikki Liimatainen, Assistant Professor, D.Sc., Transport Research Centre Verne, Tampere University of Technology, tel. +358 408490320
heikki.liimatainen@tut.fi
, Member of the Finnish Climate Change Panel: https://www.ilmastopaneeli.fi/en/

Robert Hansson, Director Vehicle Dynamics & Active Safety, Volvo Car Corporation

Vice President, Research and Development Juha Pirhonen, Nokian Tyres, tel. +358 10 4017708
juha.pirhonen@nokiantyres.com

Transport Research Centre Verne 
http://www.tut.fi/verne/en/

Volvo Cars 
http://www.volvocars.com/

Concept 26 ‒ Introducing A new Symbol of automotive freedom 
https://www.volvocars.com/en-kw

Intellisafe autopilot 
https://www.ilmastopaneeli.fi/en/

Nokian Tyres Safer driving: 
www.nokiantyres.com/innovation/