mar settembre 20 05:03 2022 per categorie Comunicazioni, Notizie aziendali

AQUAPLANING: POCHI MILLIMETRI DI PROFONDITÀ DEL BATTISTRADA POSSONO FARE UN’ ENORME DIFFERENZA PER LA VOSTRA SICUREZZA

Alla fine della stagione estiva, gli automobilisti possono incontrare improvvisi temporali torrenziali che possono trasformare istantaneamente alcuni tratti di strada in zone ad alto rischio e c’è in agguato il pericolo di aquaplaning (slittamento sull’acqua). Il produttore di pneumatici Nokian Tyres spiega a cosa prestare attenzione durante la stagione delle piogge e perché solo pochi millimetri di battistrada possono fare la differenza.

L'aquaplaning (slittamento sull’acqua) è una vera minaccia in caso di pioggia. Non appena il battistrada non è in grado di drenare tutta l'acqua dal punto di contatto tra il pneumatico e la strada, si forma un cuscino d'acqua sotto il pneumatico. Ciò fa perdere aderenza ai pneumatici e il conducente perde il controllo del proprio veicolo.

 

"In questa situazione, il guidatore può diventare in un istante un passeggero indifeso senza il controllo del proprio veicolo. Tuttavia, la cosa più importante è mantenere la calma e non frenare bruscamente. È meglio togliere il piede dall'acceleratore, lasciare che l'auto riduca lentamente la velocità e tenere d'occhio la direzione di marcia. Non appena si sente che i pneumatici riprendono il contatto con la strada, si può gradualmente ricominciare ad accelerare", afferma Martin Dražík, Product Manager per l'Europa centrale di Nokian Tyres .

 

Il rischio di aquaplaning è reale anche con pneumatici in buono stato, ma è quasi certo con quelli usurati. Ecco perché è importante essere consapevoli delle condizioni e della qualità dei pneumatici della vostra auto. Come regola generale, minore è la profondità del battistrada, più è probabile che i pneumatici perdano aderenza sul bagnato. Pertanto, guidare con pneumatici usurati è un rischio notevole, soprattutto sotto la pioggia, quando lo spazio di frenata è notevolmente più lungo. Così si diventa un pericolo non solo per se stessi, ma anche per tutti quelli nelle vicinanze.

 

I conducenti che hanno rimandato l'acquisto di pneumatici nuovi dovrebbero prestare ancora più attenzione alla corretta manutenzione di quelli attuali, in modo che le loro caratteristiche di sicurezza durino il più a lungo possibile. Il rischio di aquaplaning può essere ridotto utilizzando pneumatici con un battistrada di almeno 4 mm. Non appena la profondità del battistrada scende al di sotto di questa cifra, la protezione da questo pericoloso fenomeno degenera notevolmente. Anche la corretta pressione dei pneumatici è importante.

 

"I nostri pneumatici hanno diverse innovazioni che semplificano la guida sicura e il monitoraggio delle condizioni dei pneumatici. Una di queste è l'Indicatore di Sicurezza della Guida, che è stato brevettato e che consente al conducente di vedere immediatamente quanti millimetri di battistrada rimangono su ogni singolo pneumatico ad occhio nudo", aggiunge Dražík .

 

È importante anticipare le situazioni pericolose

La pioggia battente e le cattive condizioni dei pneumatici sono una pessima combinazione. Allo stesso modo, guidare troppo velocemente in caso di maltempo rende il veicolo più incline all'aquaplaning, anche se avete dei buoni pneumatici. In caso di forti piogge, potrebbe essere necessario ridurre la velocità almeno di 15-20 km/h in modo che il battistrada possa pompare via tutta l'acqua tra il pneumatico e la strada.

 

“Non capisco perché così tante persone guidino nei solchi della strada anche quando piove. Questo è esattamente il punto in cui il rischio di aquaplaning è più alto. Guidare nei solchi consuma anche le gomme più velocemente perché l'asfalto lì è molto più accidentato. Questo è un motivo in più per guidare fuori dai solchi", osserva Martin Dražík di Nokian Tyres.

 

I test effettuati dalla rivista finlandese Mootori (03/2020) hanno mostrato che i pneumatici usurati iniziano l'aquaplaning addirittua ad una velocità fino a 15 km/h prima dei pneumatici nuovi. Per il miglior pneumatico testato, il nuovo pneumatico ha iniziato l'aquaplaning a 90,4 km/h mentre uno pneumatico usurato fino a soli 3,5 mm ha già iniziato l'aquaplaning a circa 75 km/h. Oltre alla profondità del battistrada, è necessario controllare anche la pressione dei pneumatici. La bassa pressione aumenta il rischio di aquaplaning. Controllare la pressione dei propri pneumatici e regolarla al livello corretto, se necessario, è una misura di sicurezza di base che si può implementare presso il distributore di benzina più vicino e non costa nulla.

 

Suggerimenti per affrontare il rischio di aquaplaning

  • Controllare le condizioni dei pneumatici prima di ogni viaggio, mantenere una pressione dei pneumatici sufficiente e assicurarsi che la profondità del battistrada sia di almeno 4 mm per garantire la sicurezza di guida.
  • Controllare il bollettino meteorologico prima di mettersi alla guida e prevedere situazioni pericolose, inclusi forti acquazzoni o temporali.
  • Non guidare nei solchi della strada sotto la pioggia.
  • Ridurre la velocità di guida di almeno 20 km all'ora in caso di forti piogge e acquazzoni.
  • Mantenere una distanza sufficiente dai veicoli davanti.
  • In caso di aquaplaning mantenere la calma, togliere il piede dall'acceleratore e lasciare che la vettura rallenti fino a sentire nuovamente il contatto tra le gomme e la strada e mantenere la direzione di marcia.

 

 

Scaricare le immagini

Maggiori informazioni sull'argomento:

Attenzione all'aquaplaning

Pericoli dell'aquaplaning

 

Per ulteriori informazioni:

Jaroslav Nálevka, PR Consultant, 00420 725 865 874,

jaroslav.pr.ext@mccann.cz

Zuzana Seidl, PR Manager Nokian Tyres CE, 00420 603 578 866,

zuzana.seidl@nokiantyres.com