FacebookInstagramLinkedInmenu-iconicon-playscroll-downsearchTwitterShapeYouTube
Menu
gio maggio 23 02:56 2019 nella categoria

Tre buone ragioni per controllare regolarmente la pressione degli pneumatici

L’estate è ormai alle porte. Per ottenere il meglio dalla guida estiva accertarsi della giusta pressione degli pneumatici è fondamentale. La pressione si riflette sulla sicurezza alla guida, sulla longevità degli pneumatici e sul consumo di carburante. Ecco tre buone ragioni per controllare la pressione degli pneumatici.

  1. Guida più facile e sicura

La pressione influenza fortemente la manovrabilità e la sicurezza dell’auto. Pneumatici non gonfiati in modo sufficiente o con pressione di gonfiaggio irregolare portano ad una risposta di sterzata più lenta e ad un comportamento inatteso in situazioni limite.

– L’importanza della corretta pressione degli pneumatici si amplifica in situazioni estreme quando ci sono movimenti repentini dello sterzo, come ad esempio i cambi di corsia o la necessità di evitare la collisione con un animale sulla strada. Con la pioggia, d’altro canto, pneumatici gonfiati insufficientemente possono allungare le distanze di frenata e ridurre la resistenza all’aquaplaning, spiega Martin Dražík, Product Manager di Nokian Tyres Europe.

Una maneggevolezza instabile diventa ancora più marcata con un carico pesante. Quando si guida a pieno carico, se si rimorchia una roulotte o si è alla guida di un camper, è buona norma aumentare un po’ la pressione degli pneumatici.

  1. Maggiore longevità degli pneumatici

La pressione influisce anche sulla vita degli pneumatici. Pneumatici sgonfi si consumano più velocemente e sono più inclini al danno.

– Un gonfiaggio insufficiente determina un surriscaldamento degli pneumatici e ne aumenta il consumo. A seguito del surriscaldamento deli elementi strutturali, un danno o un guasto allo pneumatico possono incorrere con maggiore probabilità.

Un gonfiaggio insufficiente riduce la distanza tra il cerchio e la superficie dello pneumatico. Questo rende più semplice per lo pneumatico sbattere contro il cerchio accrescendo la probabilità di danno quando si finisce contro un marciapiede. In estate, urti e buche possono avere  un impatto maggiore sugli pneumatici.

– Idealmente, la bassa pressione degli pneumatici è una questione che va affrontata prima del cambio. Nella peggiore delle ipotesi, pneumatici non gonfiati a sufficienza possono danneggiarsi prima che ci si rechi nella stazione di servizio, dice Martin Dražík.

  1. Minor consumo di carburante ed emissioni di CO2

La pressione degli pneumatici è direttamente collegata al consumo di carburante dell’auto e alle sue emissioni. Il gonfiaggio insufficiente aumenta la resistenza al rotolamento dello pneumatico, portando a consumi di carburante non necessari.

– Molte case automobilistiche forniscono la cosiddetta raccomandazione Eco sulla pressione degli pneumatici oltre a consigli per il gonfiaggio quando si viaggia in 1-3 persone e a pieno carico. Questa regolazione minimizza la resistenza al rotolamento e le emissioni di CO2, spiega Dražík.

Nel tempo l’aria filtra, e non si può dire durante la normale guida se uno pneumatico sia gonfio a sufficienza. Si dovrebbe quindi controllare la pressione degli pneumatici anche dopo il cambio ogni tre settimane o almeno prima di un lungo viaggio estivo. Non c’è bisogno di ridurre la pressione con il caldo perché una pressione leggermente superiore non danneggia lo pneumatico.

Consigli per una guida estiva sicura

  • Sostituisci gli pneumatici utilizzati per più di 6 anni anche se c’è del battistrada rimanente
  • Controlla la profondità del battistrada. Per ragioni di sicurezza, la profondità del battistrada minima raccomandata è di 4mm. Utilizzare pneumatici usurati allungherà la distanza di frenata dell’auto e la renderà più difficile da controllare.
  • Controlla i fianchi e il battistrada dei tuoi pneumatici ad ogni crepa, spaccatura o in caso di rigonfiamenti anomali.
  • Controlla le principali scanalature. Ogni pietra di grandi dimensioni che possa rimanere incastrata nelle scanalature principali penetrerà più in profondità nello pneumatico durante la guida e potrebbe causare un danno.
  • Controlla che tutti gli pneumatici siano consumati uniformemente. Ruota in modo uniforme gli pneumatici consumati dall’asse anteriore a quella posteriore. Monta i due pneumatici in condizioni migliori sull’asse posteriore per maggiore sicurezza.
  • Controlla la pressione di gonfiaggio dei tuoi pneumatici con regolarità. La pressione corretta migliora la sicurezza, estende la vita di servizio degli pneumatici e riduce il consumo di carburante. SI dovrebbe controllare la pressione degli pneumatici ogni tre settimane e in ogni momento si stia per partire per un viaggio più lungo. La pressione dovrebbe essere controllata quando gli pneumatici sono freddi.
  • Resetta il sistema di monitoraggio della pressione dopo aver settato la corretta pressione di gonfiaggio. Le auto moderne sono dotate di sensori TPMS (Tire Pressure Monitoring System) di serie.

Scarica le foto

 

Ufficio stampa Nokian Tyres - Weber Shandwick Italia

Laura Vecchi @: lvecchi@webershandwickitalia.it  - T. 02-57378424
Luca Guglielmi @: lguglielmi@webershandwickitalia.it - T. 02-57378455

 

Twitter I YouTube I Facebook I LinkedIn I Instagram

 

Nokian Tyres sviluppa e produce pneumatici premium per persone che danno valore alla sicurezza e alla sostenibilità. Ispirati dal nostro patrimonio scandinavo, diamo vita a prodotti innovativi per auto, veicoli commerciali e mezzi pesanti per offrire tranquillità in ogni condizione di guida. La nostra catena Vianor fornisce servizi per pneumatici e auto. Nel 2018, il fatturato netto è stato di 1,6 miliardi di Euro e la Società ha impiegato 4.800 persone. Nokian Tyres è quotata al Nasdaq di Helsinki. Maggiori informazioni: www.nokiantyres.it